Milano cosa vedere: la Basilica di Sant’Ambrogio e i suoi segreti (what to see: The Basilica of Sant’Ambrogio and its secrets)

La Basilica di Sant’Ambrogio è una delle chiese più antiche di Milano. La Basilica presenta una caratteristica molto particolare ovvero la presenza di due campanili. Quello sulla destra è il più antico ed è chiamato “Campanile dei Monaci”, sulla sinistra invece si trova il secondo campanile chiamato “Campanile dei Canonici”.

I monaci e i canonici si contendevano il possesso e la custodia della Basilica, motivo per cui pretesero due campanili, in modo che ognuno avesse il proprio.

The Basilica of Sant’Ambrogio is one of the oldest churches in Milan. The Basilica has a very particular feature or the presence of two bell towers. The one on the right is the oldest and is called “Campanile dei Monaci”, on the left instead there is the second bell tower called “Campanile dei Canonici”.

The monks and canons contended for the possession and custody of the Basilica, which is why they claimed two bell towers, so that each had its own.

IMG_5537

All’esterno della Basilica di Sant’Ambrogio, sul lato sinistro della Basilica si trova una colonna di epoca romana conosciuta come la “Colonna del Diavolo” sul cui lato si possono notare due fori, secondo la leggenda sarebbero stati prodotti dalle corna del Diavolo, si dice che tentò invano di far cadere in tentazione Sant’Ambrogio, non riuscendoci, ormai esasperato cercò di trafiggerlo con le corna ma lo mancò infilando le corna nella colonna, tentò a lungo di liberarsi senza successo e alla fine si trasformò in zolfo e scomparve.

Si dice, inoltre che avvicinandosi ai fori è possibile sentire odore di zolfo e il rumore dello Stige, il fiume che attraversa gli Inferi.

Outside the Basilica of Sant’Ambrogio, on the left side of the Basilica there is a Roman column known as the “Devil’s Column” on whose side two holes can be seen, according to legend they would have been produced by the devil’s horns, it is said that he tried in vain to make Sant’Ambrogio fall into temptation, failing to do so, now exasperated he tried to pierce him with horns but he missed it by inserting the horns in the column, he tried for a long time to free himself without success and eventually turned into sulfur and disappeared .

It is also said that approaching the holes it is possible to smell sulfur and the sound of the Styx, the river that crosses the Underworld.

IMG_5529IMG_5533

La Colonna del Serpente

All’interno della Basilica di Sant’Ambrogio, sul lato sinistro si trova una colonna in granito con sopra appoggiato un serpente in bronzo nero. La leggenda racconta che si tratta di un serpente forgiato da Mosè durante l’esodo per curare chi fosse stato morsicato da qualche serpente velenoso, era sufficiente guardare il serpente di bronzo per guarire.

La statua del serpente arrivò a Milano nel 1007 come dono dell’arcivescovo Arnolfo. Si dice che  a quei tempi i milanesi rivolgessero alla statua preghiere per scacciare alcune malattie. Si dice, inoltre, che il serpente fischierà nel Giorno del Giudizio per poi tornare alla sua terra d’origine ovvero Gerusalemme.

The Serpent Column

Inside the Basilica of Sant’Ambrogio, on the left side there is a granite column with a black bronze snake resting on it. The legend says that it is a snake forged from Moses during the exodus to cure those who had been bitten by some poisonous snake, it was enough to look at the bronze snake to heal.

The snake statue arrived in Milan in 1007 as a gift from Archbishop Arnolfo. It is said that in those days the Milanese people prayed to the statue to drive away some diseases. It is also said that the snake will whistle on Judgment Day and then return to its homeland or Jerusalem.

IMG_5551

o 055

Come raggiungere la Basilica:

Metro MM2 (linea Verde) fermata: Sant’Ambrogio

How to reach the Basilica:

Metro MM2 (Green line) stop: Sant’Ambrogio

Pubblicato da La Ele in Viaggio

Mi chiamo Elena e sono una vera appassionata di viaggi e fotografia.
Amo viaggiare più di qualsiasi cosa al mondo e scatto sempre mille foto perché per me significa catturare momenti e non solo immagini.
Con questo blog voglio semplicemente portarvi con me nei miei viaggi, con semplicità, senza frasi ad effetto o parole ricercate, ma solo farvi vedere il mondo attraverso i miei occhi e le mie esperienze sperando che magari possano essere d'ispirazione per i vostri viaggi.
Nata e cresciuta a Milano, voglio anche condividere con voi tutta la bellezza della mia città.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: