I Parchi Usa del South West

I meravigliosi parchi degli Stati Uniti sono sicuramente una meta che abbiamo un pò tutti nella nostra wihlist delle Cose da Vedere.

Importante da sapere prima di iniziare il giro dei parchi:

La prima cosa da fare è il National Park Pass che costa $80 a vettura e si può fare all’ingresso del primo parco che visiterete.

Tenete però presente che il National Park Pass non vale per la Monument Valley che ha un costo di $20 (fino a 4 persone, poi vanno aggiunti $6 per ogni persona in più) e per l’Antelope Canyon che ha un costo di $ 38,10.

Il nostro meraviglioso giro dei Parchi inizia dal Grand Canyon.

La sua immensità e gli incredibili scorci che si apriranno ai vostri occhi vi lasceranno senza fiato. Qui è possibile fare tantissime passeggiate di varia difficoltà e durata, inoltre ci sono tantissimi punti panoramici dove vi sarà possibile scattare bellissime foto.

Noi siamo nel South Rim, è la parte che riscuote più successo e la più visitata, noi arrivavamo da sud e siamo prima passati da una graziosa località che si chiama Williams dove abbiamo fatto una piccola sosta.

Vi consiglio di trattenervi nel Grand Canyon fino al tramonto, i colori sono davvero unici e il gioco di luci e ombre sulle rocce mentre cala il sole crea una vista davvero mozzafiato. Le foto che vedete qui sotto sono scattate a Hopi Point, uno dei punti panoramici migliori dove osservare il tramonto.

 

Per la notte vi consiglio il Yavapai Lodge, è molto carino e accogliente e si trova in una posizione davvero strategica, al suo interno si trova anche un ristorante che fa degli ottimi hamburger.

Da non perdere assolutamente è vedere sorgere il sole sul Gand Canyon, per cui sveglia prestissimo (alle 4.00) e ci dirigiamo a Mather Point punto perfetto per ammirare la splendida alba sul Grand Canyon.

Ora lasciamo il Grand Canyon e ci dirigiamo verso la mitica e favolosa Monument Valley. 

IMG_5836

Potete lasciare  la macchina al visitor center e immergervi nella meravigliosa Monument Valley esplorandola  a piedi. Se però fa molto caldo (e ad Agosto le temperature sono piuttosto alte) potete girarla in auto e fermarvi nei punti più interessanti per ammirare il paesaggio e scattare bellissime foto.

 

IMG_0187
The Mexican Hat

Dopo aver ammirato i favolosi scorci della Monument Valley ci dirigiamo in un altro punto spettacolare che merita di essere visitato, l’Horseshoe Bend.

L’Horseshoe Bend è un ansa del fiume Colorado, situato a pochi chilometri da Page in Arizona e a circa 8 km dal Lake Powell che raggiungeremo subito dopo l’Horseshoe Bend.

Horseshoe Bend  è profondo circa 300 metri, la sua forma a “U” ricorda un ferro di cavallo, da qui il suo nome Horseshoe ed è possibile ammirarlo dall’alto dei ripidi pendii dopo una breve camminata su uno dei sentieri circostanti.

A poca distanza si trova il Lake Powell si tratta un lago artificiale creato sul fiume Colorado per via  della costruzione della diga di Glen Canyon. Questo lago è lungo quasi 300 km, il lago si trova al confine tra Arizona e Utah.

Pernottamento a Page al Knights Inn Lake Powell, semplice ma molto carino a soli 15 minuti di macchina da Lake Powell.

Oggi raggiungiamo quello che è per me uno dei posti più belli e incredibili che abbia mai visto: l’Antelope Canyon. E’ consigliabile prenotare la visita per tempo in quanto, proprio per preservare la meraviglia di questo sito, permettono l’ingresso a piccoli gruppi accompagnati da una bravissima e preparatissima guida Navajo.

Camminare attraverso i suoi stretti passaggi, ammirare come negli anni le rocce siano state levigate dal vento dandogli forme incredibili, vi lascerà senza fiato. L’Antelpoe Canyon è qualcosa che sarà impossibile dimenticare e vorrete sicuramente tornarci ancora.

3FE1F5F1-5716-4B8C-A219-DE342DE8D14F

IMG_5900

Pernottiamo a La Verkin, Utah a La Quinta Inn & Suites, i Motel sono, secondo me, la scelta ideale per pernottamenti economici ma confortevoli quando si fa un viaggio on the road negli Stati Uniti.

Per cena andiamo al Stage Coach Grill, se amate la carne questo è il vostro posto.

Sveglia presto e partiamo per la nostra prossima tappa lo Zion Canyon 

Lo Zion National Park si trova nello stato dello Utah, la parte principale del parco è una gola profonda scavata dal fiume Virgin, un canyon enorme e  scenografico con dirupi vertiginosi e montagne che toccano i 2600 metri.

Zion Canyon è la parte dove si trova la strada panoramica Zion Canyon Scenic Drive di 10 km, lungo la quale partono tutti i sentieri principali del parco. Nei mesi estivi non è possibile percorrerla in autonomia ma è necessario utilizzare  il servizio di shuttle gratuito che parte dallo Zion Canyon Visitor Center: lo shuttle fa in tutto  9 fermate lungo questa meravigliosa strada panoramica e ciascuna funge da punto riferimento per vari sentieri.

Gli Shuttle partono dal Visitor Center ogni 7-10 minuti nei mesi di alta stagione e impiegano circa 40 minuti a coprire l’intera distanza . La frequenza degli shuttle e l’ora di inizio del servizio variano di mese in mese.

In questo meraviglioso parco è possibile fare tantissimi trekking, noi ne abbiamo scelto uno davvero molto particolare, una passeggiata fatta interamente nel fiume, con tanto di scarpe perché il fondale è fatto da sassi e rocce, è stata un’esperienza unica e indimenticabile e anche molto divertente.

Pernottiamo in una piccola cittadina di nome Brian Head punto perfetto per raggiungere la nostra prossima destinazione il Bryce Canyon.

Il Bryce Canyon National Park, possiede alcune delle rocce più colorate della Terra, famoso per i suoi celebri “hoodoos“, pinnacoli scolpiti da fenomeni naturali d’erosione. L’acqua ha contribuito a scolpire il paesaggio aspro di questo parco per milioni di anni

Qui potete sbizzarrirvi ed esplorarlo come desiderate, gli scorci panoramici sono tantissimi così come i sentieri che lo attraversano.

Il più noto e utilizzato è il Queen’s Garden Trail, che si snoda lungo la parte inferiore dell’anfiteatro e passa attraverso molte affascinanti formazioni rocciose e alberi.

IMG_6023

In serata raggiungiamo la Death Valley Junction dove pernottiamo in un luogo davvero magico e suggestivo in mezzo al nulla l’Amargosa Opera House & Hotel.

Chiedete alla gentilissima e super disponibile proprietaria di mostrarvi l’adiacente piccolo teatro e fatevi raccontare la sua incredibile storia.

In mezzo al deserto non è facile trovare un posto per la cena ma noi abbiamo avuto la fortuna di imbatterci in un posto davvero incredibile che vi consiglio tantissimo se vi troverete a passare da quelle parti. Si chiama Stateline Saloon, vi sembrerà davvero di essere in un film.

Un cosa da non perdere è vedere l’alba nella Death Valley, quindi sveglia alle 4.00 e ci dirigiamo nel punto più bello dove vedere sorgere il sole Dante’s View. Per fortuna a quell’ora la temperatura è buona e riusciamo a goderci lo spettacolo.

Appena il sole sorge fa subito molto caldo, alle 9.30 ci sono già quasi 40°, portate sempre con voi tanta acqua (almeno 3 o 4 litri) è importantissimo e fondamentale per sopravvivere nella Death Valley, nei mesi estivi la temperatura può raggiungere e superare i 50°.

Un punto di interesse è lo Zabriesky Point. Un punto panoramico davvero molto particolare. in passato (un passato molto molto lontano) quest’area era coperta da un lago, sul suo fondale si erano formate formazioni saline e depositi di ghiaia provenienti dalle montagne circostanti, col passare degli anni il lago si è completamente prosciugato facendo così emergere le particolari rocce che vediamo oggi.

Da qui ci spostiamo, in macchina naturalmente a Bad Water un luogo unico si tratta di un bacino di un grande lago preistorico oramai prosciugato che si trova nel punto più basso del Nord America (ben 86 metri sotto il livello del mare).

Lo scenario è straordinario e quasi surreale, un’immensa spianata ai piedi delle montagne, sembra quasi di essere su un altro pianeta.

Lasciamo ora la rovente Death Valley e raggiungiamo la nostra ultima tappa, il meraviglioso Yosemite Park.

Immenso, meraviglioso con laghi, cascate e infinite possibilità di fare trekking. Uno dei punti più famosi è Glacier Point è uno dei punti di osservazione più popolari nel parco che offre una vista mozzafiato e da dove si può scorgere la famosa cima di Half Dome. Si trova ad un’altitudine di 2.199 metri.

Questo immenso parco offre davvero tanti bellissimi scorci, e durante le vostre passeggiate vi capiterà di imbattervi in simpatici e graziosi scoiattolini, ma attenzione dar da magiare agli animali è severamente vietato e le multe sono salatissime.

Pubblicato da La Ele in Viaggio

Mi chiamo Elena e sono una vera appassionata di viaggi e fotografia.
Amo viaggiare più di qualsiasi cosa al mondo e scatto sempre mille foto perché per me significa catturare momenti e non solo immagini.
Con questo blog voglio semplicemente portarvi con me nei miei viaggi, con semplicità, senza frasi ad effetto o parole ricercate, ma solo farvi vedere il mondo attraverso i miei occhi e le mie esperienze sperando che magari possano essere d'ispirazione per i vostri viaggi.
Nata e cresciuta a Milano, voglio anche condividere con voi tutta la bellezza della mia città.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: